Visitare il borgo di Vigoleno è un’esperienza unica, poichè dà ai visitatori la sensazione di entrare in un film fantasy, tra le mura merlate, le torri e le terrazze dalle quali si ammira la distesa verde delle pianure circostanti.

Il Castello di Vigoleno è un castello risalente al X secolo, ma troviamo sue notizie documentate dal 1141, era un avamposto sulla strada che conduceva a Parma dal comune di Piacenza.

Il castello si erge nel mezzo del borgo medievale di Vigoleno, posizionandosi sul contrafforte di una collina ad un’altezza di 500mt sul livello del mare nel comune di Vernasca.

castello di vigoleno

Il borgo è completamente circondato da una cinta muraria merlata che è interamente percorribile attraverso l’antico cammino di ronda. Ha un unico accesso, attraverso un piccolo rivellino, che serviva a proteggere il vero portale. Nel centro del borgo troviamo una piazza con una fontana al suo centro. Su questa piazza si affacciano sia il mastio sia la parte residenziale del castello. Il mastio del castello ha una pianta quadrangolare e presenta feritoie a protezione, in cima troviamo merli ghibellini. Ospita sale museali con documenti fotografici e storici.

Attraverso la terza portagiunti nella piazzaprincipale, troviamo anche Casa Tanzi, una torre trasformata nel secono XX in abitazione civile, prima era adibita a dimora della guarnigione con prigione e sotterranei.

La storia del borgo è inevitabilmente legata a quella del suo castello. Le origini come detto in precedenza risalgono ad epoca romana, divenuto in epoca longobarda baluardo per contrastare le invasioni ungare. Nel 1141 passò al comune di Piacenza e nel XIII secolo passò alla nobile famiglia Scotti che lo mantenne fino all’inizio del 900. Fu la nobile famiglia piacentina Scotti, infeudata dai Visconti, signori di Milano, a far costruire tutto il complesso fortificato. Nell’800 a pochi metri a nord ovest del borgo sono state ritrovate le grotte di vigoleno, vero paradiso naturalistico. internamente alle grotte sono stati rinvenutisedimeni marini e fossili risalenti all’ era terziaria e quaternaria. Negli anni 20 passarono ospiti illustri dal castello: Gabriele d’annunzio, la diva del cinema Mary Pickford, la scrittrice Elsa Maxwell e il pianista Arthur Rubinstein. Nei primi anni ottanta fu teatro di parte delle riprese del film Ladyhawke di Richard Donner con Rutger Hauer e Michelle Pfeiffer.

Il borgo si può visitare tutto l’anno, in tarda primavera e d’estate si organizzano eventi speciali, come “La notte romantica dei borghi più belli d’Italia”, I mercatini delle meraviglie, Mostre  e concerti jazz serali; nel periodo natalizio, in una delle case, è ospitato un presepe molto suggestivo.