Cavallo con PuledroCome in tutti gli animali anche nei cavalli l’istinto di riproduzione è molto elevato, per poter mantenere la sopravvivenza della specie. Lo stallone feconda le giumente del proprio “harem”, però ha un lasso di tempo limitato perché se troppo giovane non è in grado di formare il suo branco e con l’avanzare dell’età perde la sua forza e di conseguenza perde le femmine che prediligono un esemplare più giovane e più forte. Lo stallone però nella scelta delle giumente è minuzioso e si accoppia solo con quelle che ritiene lo soddisfino completamente, rifiutandosi così di coprire le femmine che ritiene troppo giovani o che non gradisce.

Nei cavalli la consanguineità è rarissima, infatti tra sorelle e fratelli, madre e figlio e padre e figlie non avvengono mai, anche perché i giovani lasciano il branco al raggiungimento della maturità sessuale.

Tra febbraio e luglio avviene il picco dell’attività sessuale del cavallo; principalmente tra aprile, maggio e giugno lo stallone può coprire due volte al giorno, questo periodo viene chiamato “stagione di monta”. Mentre nei maschi la maturità sessuale è presente dai due anni per tutta la vita, le femmine rimangono fertili solo fino ai quindici anni circa. La gestazione dura undici mesi, nel quale la cavalla da alla luce un solo puledro per volta; in rari casi ci sono stati parti gemellari, che sono però molto pericolosi per entrambi i puledri e in percentuale più bassa anche per la cavalla, infatti molti allevatori che hanno la possibilità di accorgersi subito della presenza di due embrioni, decidono di eliminarne uno per salvaguardare la vita della giumenta e del puledro.